martedì 23 ottobre 2012

GLI INSEGNAMENTI DI MAMMA CHE STRONZA (1^ PARTE)

Qualche giorno fa quiNorma Jane ha lanciato la domanda Cosa vorreste insegnare ai vostri figli? Io ho risposto l'ironia e, più precisamente, l'autoironia perché a prendersi troppo sul serio arrivano poi le batoste sul naso. Il suo post mi è servito da spunto. Premettendo che cercherò di insegnare a mia figlia l'educazione e i valori come il rispetto e l'onesta e bla bla bla, ho pensato che ci sono anche altre cose che vorrei che imparasse e che non appartengono al decalogo degli insegnamenti della mamma perfetta.
Siccome è un elenco in crescita, intitolerò questo post "1^ parte", ripromettendomi di aggiornarlo ogni volta che mi verrà in mente qualcosa. Vi dico già che nasce tutto dalla mia esperienza e quindi non sono regole oggettive ma soggettive. Sto scrivendo di getto quindi non farò una cronologia di insegnamenti dal più al meno importante ma semplicemente li scriverò per come mi vengono in mente:

- Diffida dai musicisti e/o sedicenti scrittori/artisti. Ti incantano dedicandoti un pezzo e tante belle parole ma poi non si impegnano perché sai, l'arte, la carriera, le fans, mia nonna in cariola ecc. Certo, alcune ci riescono e se li sposano pure, ma sono sempre le altre. Ecco, diciamo che se l'inculata da musicista è un fattore genetico, è meglio che lasci subito perdere perché credo proprio che l'essere groupie non faccia parte del nostro dna.

- Il trombamico non sarà MAI un fidanzato. Non sperarci, non cambierà mai. Ti descriverà come una specie di sorella a cui non potrebbe mai far del male e ti intorterà dicendo che è il modo migliore perché il vostro rapporto rimanga eterno e che vuole rimanere single. Sì, fino a quando si fidanzerà. Con un'altra. Quindi trombatelo ma non ti innamorare.

- Diffida da chi parla di se stesso in terza persona. Di solito ha un ego smisurato, senza contare che parlandoci ti sembrerà di leggere gli stati di facebook.

- Non leggere mai un libro di Moccia. Se vorrai qualcosa di adolescenziale, mamma ti presterà il suo Jack Frusciante è uscito dal gruppo. Se vorrai qualcosa che ti faccia piangere, Wuthering Heights (che Heathcliff era un figo pazzesco!).

- Nelle serate alcoliche lascia in custodia il cellulare alle amiche fidate. Da ubriache si scrivono i messaggi più compromettenti.

- La fata Morgana non era una stronza, semmai era Ginevra ad essere una gatta morta. L'unica interpretazione valida è quella di Marion Zimmer Bradley, quindi leggi Le nebbie di Avalon.

- Quando sarai, triste, incazzata o indecisa, scrivi delle liste. Liste dei buoni e cattivi, liste dei pro e contro ecc. Ti aiuterà a far maggior chiarezza dentro di te. Chi scrive liste non si salverà dalla fine del mondo ma sarà sicuramente più organizzato.

- Se ti piacerà un ragazzo dovrai decidere se dargliela o non dargliela, prenditi pure il tuo tempo ma non fargliela mai annusare per poi tirarti indietro. Lo "scalda-cazzismo" viene sempre punito e alla fine si rischia un due di picche per sfinimento.

- La ceretta è costosa e dolorosa, sarebbe bene che non andasse a vuoto (chi ha orecchie per intendere intenda...)

- Impara a memoria tutte le canzoni di Rino Gaetano.

- Se esci con la gonna, tieni sempre un paio di collant di ricambio in borsa.

- Essere una signora non è una questione di portafogli. Lo stile e l'eleganza fanno di una donna una signora. Sii signora dentro, ti aiuterà in molte situazioni.

- I tuoi genitori ne hanno combinate di tutti i colori quindi non credere di poterci prendere per il culo. Ma se hai dei dubbi non chiedere mai a zia Manu. Vieni direttamente da noi.

Ecco, queste sono una dozzina di cose che vorrei che mia figlia imparasse ma, siccome non mi vedo nella parte di Lorelai Gilmore, ho già istruito la mia amica B perché sia lei a insegnargliene alcune.

Alla prossima puntata!

16 commenti:

  1. Mi sono letta tutto il tuo blog: esilarante :D!
    Divertentissimo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Grazie! Purtroppo manca il tempo per tenerlo aggiornato, ma spero di rifarmi presto! :-)

      Elimina
  2. Metterle in guardia dai musicisti artistoidi è uno dei più grandi regali che possiamo fare loro!!!!
    Insieme a imparare a rionoscere il proprio limite alcolico...

    RispondiElimina
    Risposte
    1. ahhhh i musicisti... il mio tallone d'Achille! prima o poi ci scriverò un post :-)

      Elimina
  3. Beh però proprio vietare i musicisti no... credo ci siano esperienze che anche se negative vanno fatte... per il resto concordo, specie su ceretta da sfruttare, liste, Rino Gaetano e Jack Frusciante!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. No no, non voglio vietarglieli ma semplicemente preparala al peggio, che se ha il culo di sua madre sarà una calamita per musicisti e artistoidi!
      Ahhhh Jack Frusciante!

      Elimina
  4. E tu hai ispirato l'ultimo mio post!

    Io più che dai musicisti la istruirei anche sui calciatori!
    Altra pessima categoria!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Ho già commentato il tuo ultimo post! In ogni armadio c'è uno scheletro di musicista a quanto pare... ;-)
      Calciatori mai provati, ma il mio migliore amico lo è stato e ho vissuto indirettamente le stragi che ha fatto ai tempi d'oro!

      Elimina
  5. bellissimi i tuoi insegnamenti anche perchè li condivido praticamente tutti,potrei stampare la lista e farla vedere alla mia nana a tempo debito!!!

    RispondiElimina
  6. Io ho avuto un pianista... Un pazzoide di prima cat meglio lasciar perdere

    RispondiElimina
    Risposte
    1. uh il pianista...anche il mio lo era agli esordi, ti capisco!

      Elimina
  7. Molto realistico e soprattutto vero. Brava, sono d'accordo su tutto :)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E ce ne sarebbero ancora tante di cose da dire.... ;)

      Elimina
  8. FANTASTICA!! bisognerebbe creare un vero e proprio blogstorming su questo tema!!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Che bella idea! Sarebbe da organizzare!!

      Elimina